venerdì 29 maggio 2015

SCOLVOLTO IL DECALOGO SACRO!

La trasformazione del decalogo Sacro!

Il Decalogo originale secondo l’Antico Testamento (Dt 5, 7-21)

1. Non avere altri dèi di fronte a me.
2. Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù in cielo, né di ciò che è quaggiù sulla ter­ra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a quelle cose e non le servirai. Perché io il Signore tuo Dio sono un Dio geloso,che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione per quanti mi odiano, ma usa misericordia fino a mille genera­zioni verso coloro che mi amano e osservano i miei comandamenti.
3. Non pronunciare invano il nome del Signore tuo Dio perché il Signore…
4. Osserva il giorno di sabato per santificarlo, come il Signore Dio tuo ti ha comandato. Sei giorni faticherai e farai ogni lavoro, ma il settimo giorno è il sabato per il Signore tuo Dio: non fare lavoro alcuno né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo, né la tua schiava, né il tuo bue, né il tuo asino, né alcuna delle tue bestie, né il fore­stiero, che sta entro le tue porte, perché il tuo schiavo e la tua schiava si riposino come te. Ri­cordati che sei stato schiavo nel paese d’Egitto e che il Signore tuo Dio ti ha fatto uscire di là con mano potente e braccio teso; perciò il Signore tuo Dio ti ordina di osservare il giorno di sabato.
5. Onora tuo padre e tua madre, come il Signore Dio tuo ti ha comandato, perché la tua vita sia lunga e tu sii felice nel paese che il Signore tuo Dio ti dà.
6. Non uccidere.
7. Non commettere adulterio.
8. Non rubare.
9. Non pronunciare falsa testimonianza contro il tuo prossimo.
10. Non desiderare la moglie del tuo prossimo. Non desiderare la casa del tuo prossimo, nè il suo campo, né il suo schiavo, né la sua schiava, né il suo bue, né il suo asino, nè alcuna delle cose che so­no del tuo prossimo.

………………………………………………………………

Il Decalogo secondo la Chiesa cattolica
1. Non avrai altro dio fuori di me.
2. Non nominare il nome di Dio invano .
3. Ricordati di santificare le feste.
4. Onora tuo padre e tua madre.
5. Non uccidere.
6. Non commette­re atti impuri.
7. Non rubare.
8. Non dire falsa testimonianza.
9. Non desiderare la donna d’altri.
10. Non desiderare la roba d’altri.

…………………………………………………………………………………………………


Vediamo quali modifiche ha apportato la Chiesa Cattolica Romana ai primi 10 comandamenti dati da Dio Onnipotente!

1.      Si nota come si vede una netta sintetizzazione di tutti i comandamenti.
2.      Il 2° comandamento è scomparso di netto! Eliminato ….
3.      Il 4° comandamento è stato trasformato … Da santificare il Sabato a santificare le feste.
4.      Il 7° comandamento è stato trasformato da adulterio ad atti impuri …
5.      Il 10° comandamento è stato diviso in due parti producendo il 9° e il 10° per la Chiesa Cattolica.

Di conseguenza abbiamo che gli appartenenti alla Chiesa Cattolica Romana che modificarono,  e che anche i successori che non rimisero al loro posto tali comandi, hanno commesso grave peccato contro Dio, suo Figlio e anche contro lo Spirito Santo! Sia per la cancellazione del 2 comandamento,e la modifica del 4 e del 6 comandamento. Vi è un passo sia nell’antico testamento che nell’apocalisse che dice che nessuno deve mettere mano ne spostare o aggiungere qualsiasi cosa vi è scritto nel testo sacro, pena la morte eterna.
Cristo ci insegna di dire sempre la verità se non lo facciamo siamo mentitori come dice bene S. Giovanni, se non si è con Cristo si è contro Cristo e quindi degli anticristi!

Ora c’è da chiedersi perché eliminare il secondo?

Beh è presto detto, non andava in accordo con la vendita di statue e statuette, medagliette, ecc, che la chiesa ha iniziato ad abbondare da quando essa si realmente costituita, dopo alcuni secoli dalla morte degli apostoli, con il culto dei santi. Che potevano benissimo essere ricordati senza l’uso di statue.

Ma siccome anche la fede è divenuta scopo di lucro, ecco che la chiesa ha dovuto togliere il comandamento che gli era d’intralcio o di inciampo e poi il tempo lo ha fatto dimenticare; facendo in modo che i suoi santi, non lo riportassero più nei loro scritti. Eliminando da tali scritti i rimproveri di Dio in merito a diverse cosette. Vista l'abitudine dei vescovi di rivedere i testi.

Perché togliere la festa del Sabato Santo e trasformarla in tutte e feste sante?

Quando si vede bene che Gesù opera gran parte dei suoi miracoli nel giorno di Sabato!!!
Ed egli stesso, non vieta il culto di Sabato, ma anzi ne fa un mezzo per operare miracoli durante il giorno del Signore Padre Suo. La chiesa ha l’ardire di togliere cassare e rimuovere di netto il giorno che Dio Padre ha definito Sacro su tutti i giorni. La chiesa non è Dio Padre!! Ma di questo discorso ho già scritto.


Oltretutto trasliterare a tutte le feste aumentava anche i guadagni se ci pensiamo bene, perché così non vi era solo il sabato come festa per eccellenza, ma tutti coloro che divenivano santi, potevano essere festeggiati ogni giorno, come è oggi. Invece la proclamazione di Dio Padre Onnipotente ad un solo Giorno di festa, vero e proprio ufficializzato da Dio Padre. Consideriamo che Gesù ha fa tutto per volontà di Dio Padre, come Gesù stesso ha detto diverse volte, quindi non ha mai detto di rimuovere il Sabato!!!  E chi dice questo o è un ignorante o mente sapendo di mentire ed è un anticristo!  Rimuovendo il Sabato si poteva festeggiare qualsiasi altro “santo” che Dio non dato disposizione di festeggiare, come ben dice nel secondo vero comandamento, perché dire non ti fare immagine di quello che sopra, in terra e sotto, sta ad indicare che Dio non vuole che nessun uomo, angelo o demone possa essere festeggiato, ma solo la Trinità di Dio o le persone ad esso legate. Solo a Dio si da culto e nessun altro santo, altrimenti si cade nel peccato di idrolatria. Oltretutto il festeggiare, gli uomini anche santi, ha la conseguenza, che ne fa degli dei, ma questo porta come conseguenza che si apre la strada o la porta al maligno ed ad ogni altra superstizione, proprio quello che Dio non voleva che accadesse. Invece per la bramosia del danaro, della ricchezza, del potere l’uomo ha permesso l’ingresso di satana nel mondo. Così si adorano sia chi sta sopra, chi sta tra gli uomini e chi sta sotto.Fuori dalla volontà della Trinità.

Il 7° comandamento è stato trasformato da adulterio ad atti impuri!
Questa trasformazione ha permesso che il peccato perdesse la sua forza, e venisse ridotto di importanza permettendo a chiunque di compiere con più facilità l’adulterio, visto che non si vedeva più campeggiare in bella mostra nei 10 comandamenti, perché quello che conta è  si l’insegnamento, ma cambiando i termini, l'azione deterrente psicologica e morale sul soggetti è venuta meno, vedere scritto il peccato più grave ha come risultato che la persona lo memorizza e ne lo tiene in considerazione maggiormente e questo agisce come un freno sulla persona, quindi ha un azioni più importante quello che si vede, quello che viene posto sotto gli occhi degli uomini, per cui l’ignoranti, vedevano scritto atti impuri pensando che fosse poca cosa, quando dietro si celava un mondo enorme di peccati, ma che solo pochi sapevano e sanno cos’erano e cosa sono. Invece Dio Padre aveva scritto “non commettere adulterio” proprio perché Egli sapeva che avendo innanzi il monito più duro, l’uomo stava attento a quello che faceva, mentre atti impuri”, ancora per una volta si è voluto dar la possibilità a satana di agire, con l’astuzia e l’inganno.

Pensateci bene provete a vedere scritto tutti i giorni :

Non commettere adulterio  

e vedere

Non commettere atti impuri

Ha un effetto molto diverso sulla psiche umana!  

Il primo determina in un fattore deterrente, il secondo no!

L’adulterio anche l’ignorante sapeva cos’era, mentre l’atto impuro oltretutto un concetto nuovo, non sapevano cosa si volesse intendere, per cui ha perso la sua efficacia.

Oltretutto il secondo sminuisce il primo!

E’ diverso l’adulterio, dall’atto impuro, perché ci sono tante cose che sono impure non solo gli atti sessuali, ci sono i pensieri che sono impuri non solo di immagini, ma anche azioni rivolte verso altri culti, come il satanismo, che può essere considerato inizialmente un atto impuro fino a divenire un adulterio, ecc.
Mentre l’adulterio è un atto ben preciso di tradimento della propria promessa-/sposa o promesso-/sposo, con donna o uomo non ha importanza, è sempre un adulterio … ma questo aspetto dell’adulterio può essere esteso anche allo Spirito Santo, per esempio chi si dedica alla vita sacerdotale essendo sposo/a di Cristo, e se questo va con donna o uomo carnalmente o si dedica ad altri culti, fa sempre un atto di adulterio,  molto più grave dell’adulterio tra persone non consacrate.

Il 10° comandamento è stato diviso in due per riempiere il vuoto della mancanza del secondo , ovvio!

La modifica del decalogo Sacro, da parte dei componenti della Chiesa è come se essi avessero giudicato Dio un incompetente che non sa nemmeno cosa dire o cosa scrivere per ammonire i suoi figli, questa azione è di una gravita estrema ed infatti oggi le stiamo tutti pagando sonoramente!!

Per il solo fatto che la Chiesa si è permessa di modificare il decalogo che nemmeno gli Apostolo modificarono, perché non potevano farlo! Fa capire che la chiesa se ha modificato la legge Eterna essa stessa si è posta sopra Dio, sopra  Cristo e sopra allo Spirito Santo!

Il dato di fatto è sotto gli occhi di tutti!

Purtroppo la verità fa sempre male, d’altronde Gesù dice che non è venuto per portare la pace, ma la spada!!! La spada che separa le tenebre dalla luce. Mentre l’uomo vive nella penombra, cioè preferisce a stare con i tiepidi. Quando Gesù dice non sono venuto a portare la vostra pace , ma la mia pace non intende dire quello che la chiesa crede, ma intende dire ben altro!  La sua pace sarebbe la cacciata delle tenebre dal mondo e per far ciò bisogna combattere con la spada delle verità che è a doppio taglio! Come si dice una lingua tagliente, che non risparmia a nessuno critiche! Che non a tutti fa comodo e non a tutti piace.

Qualcuno mi può dire ma scrivendo questo, si potrebbero perdere molti fedeli, io invece dico che scrivendo questo primo, io attesto la mia fede a Dio, secondo dico la verità che è la cosa più importante e terzo dico ai cristiani che la loro fede non si basa sulla chiesa, ma su Cristo e nessuno Cristiani deve perdere la sua fede se essa è vera, perchè la fede propria si basa su Cristo e su nessun uomo, la fede non è fatta di pietre, di mattoni, di statue, di tegole, di dipinti, di paramenti, la fede è fatta dalla presenza dello Spirito Santo, e null'altro. Se si crede veramente si crede in Dio quale fonte della nostra fede come hanno testimoniato tutti gli Apostoli, nel vangelo e nella Biabbia sta lì, il nostro credo....non in 4 mura. Anche se poi l'uomo ha bisogno di luogo di culto.

E vi dico di più quando Cristo tornerà, tutto quello che stato stravolto verrà cambiato e ripristinato al suo stato originario e ciò che non era chiaro divverà chiarissimo!

In Mt 5, 17-18 Gesù: «Non pensate che io sia ve­nuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per aboli­re, ma per dare compimento. In verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà neppure un iota o un segno dalla legge, senza che tutto sia compiuto»